Panoramica dentale: cos’è, a cosa serve e dove farla

La panoramica dentale è un esame radiologico orale che serve ad avere appunto una “panoramica” delle condizioni interne di denti, mascella e le strutture facciali che li circondano.

Grazie a questa operazione si possono notare difetti o malattie che non sarebbero visibili a occhio nudo, appunto perché poste in profondità.

Dentisti e chirurghi orali solitamente usano queste radiografie per diagnosticare problemi dentali e pianificare i rispettivi trattamenti, in particolare per l’odontoiatria restaurativa che è quella che si occupa di impianti dentali, o del raddrizzamento dei denti.

Dove fare la panoramica dentale

Se ti trovi nella città di Foligno puoi rivolgerti allo studio Dental@Med https://dentistafoligno.it/panoramica-dentale/, un team di professionisti pronti ad aiutarti a superare ogni problematica in campo odontoiatrico. 

Cos’è una panoramica dentale

A differenza di altre radiografie dentali, la panoramica restituisce in una sola l’immagine lo scenario dell’intera bocca. Senza questo processo tecnologico sarebbe complicato fare determinate diagnosi.

Tra questi:

  • carie
  • infezioni
  • denti del giudizio impattati
  • perdita ossea nella mascella
  • iperdontia e ipodontia
  • tumori legati al cancro della mascella o cancro orale

Come si effettua una panoramica dentale

La macchina che effettuerà la panoramica ha due lati: uno contenente un tubo a raggi X e l’altro  una pellicola o un rivelatore. Questi sono posizionati su un braccio rotante che ruota di 180 gradi intorno alla testa per catturare l’immagine completa.

Ti verrà chiesto di:

  • togliere i gioielli e oggetti metallici, come gli occhiali
  • indossare una protezione di piombo che protegge dalle radiazioni
  • di mordere un piccolo blocco per aprire la bocca e permettere la buona riuscita dell’immagine.

Il radiologo posizionerà la testa su una base con piccoli supporti davanti e ai lati della testa. Ti sarà chiesto di rimanere completamente immobile per ottenere un’immagine chiara. La procedura di solito si svolge mentre in piedi e in tutto ci vorranno al massimo 20 secondi. Il computer elaborerà direttamente l’immagine che potrà essere studiata dagli esperti per eventuali diagnosi.