Impermeabilizzazione terrazzi, ecco a chi rivolgersi

Impermeabilizzazione terrazzi piane e tetti: come impermeabilizzare una terrazza piana

L’impermeabilizzazione terrazzi è un problema delicato nella costruzione di edifici, principalmente perché le superfici sono piane. Ciò significa che l’acqua non può defluire rapidamente dalla struttura e si sposterà lentamente o si accumulerà sopra la superficie, creando opportunità di perdite. Inoltre, queste superfici piane richiedono pozzetti o pozzetti di raccolta in cui l’acqua possa fluire prima di entrare nei tubi di drenaggio verticali, un’altra grande fonte di perdite.
Ne consegue che le superfici ruvide dei terrazzi (come la pazza pavimentazione in porcellana) non sono adatte per l’impermeabilizzazione, poiché incoraggiano il movimento lento o la raccolta dell’acqua. Le superfici lisce sono migliori. Più pendenza puoi dare alla superficie, meglio è. Per i terrazzi si consiglia una pendenza di 1 su 100 o maggiore.

Il modo migliore per impermeabilizzare una terrazza piana è utilizzare una membrana impermeabilizzante. Questo è un sottile strato di materiale impermeabile che è continuo e non offre alcun percorso per l’acqua per entrare nella struttura. La membrana viene posata sopra la soletta strutturale.

Sulla parte superiore della membrana, viene posato un materiale di riempimento. Il materiale di riempimento è necessario per dare una pendenza alla finitura del terrazzo. Questa pendenza corre verso gli scarichi di drenaggio.

Lo strato finale è la finitura. Può essere una piastrella, una pietra o qualsiasi materiale in grado di resistere alle condizioni esterne. La finitura e gli stessi strati di stucco non contribuiscono all’impermeabilizzazione.

Aree critiche

Le aree critiche nell’impermeabilizzazione della membrana – le aree in cui è probabile che ceda – sono le poche aree in cui la membrana non è continua. Ciò si verifica nelle uscite, chiamate anche pozzetti di drenaggio, dove l’acqua si raccoglie prima di fluire nei tubi di drenaggio.
Se si verifica un guasto, non può essere facilmente risolto, poiché la membrana non è accessibile. Pertanto, per correggere un guasto, i lavoratori edili dovranno strappare la finitura del pavimento e il materiale di riempimento, riparare o sostituire l’intera membrana e riposizionare gli strati superiori.

Se anche tu sei interessato al settore, rivolgiti a RE.SI.NE. S.r.l., distributrice della RESINE INDUSTRIALI, presente nel settore della ristrutturazione civile ed industriale da oltre 30 anni, che opera con un Sistema di Qualità certificato secondo le norme UNI EN ISO 9001-2008, rilasciato dall’Istituto di certificazione CERMET (accreditata ACCREDIA), per “l’attività di produzione e commercializzazione di prodotti a base di resine per l’edilizia civile e industriale”.