Dove gustare il miglior carpaccio di baccalà (e non solo)

Una ricetta da leccarsi davvero i baffi, che ha come protagonista il baccalà, è il carpaccio di baccalà. Vediamo la ricetta per prepararlo a casa.

Per 2 persone (come antipasto)

1 filetto di baccalà, del peso di circa 2 kg, stagionato per 4 giorni

1 peperoncino rosso, affettato molto finemente

1 cucchiaio di capperi (quelli confezionati nel sale sono molto più gustosi di quelli nell’aceto), sciacquati e asciugati

1/2 limone conservato (solo scorza), tagliato a dadini

2 cucchiai di olio extra vergine di oliva

Il succo di 1/2 limone

Una piccola manciata di crescione misto

Usando un coltello affilato, affettare il pesce il più finemente possibile. Adagiare il pesce in un unico strato su un piatto piano e cospargere il peperoncino, i capperi e la scorza di limone a dadini. Per servire, versare l’olio d’oliva sul pesce, spremere sopra il succo di limone e spargere il crescione su tutto.

Questo è un must della cucina di pesce, che troverai in ampia misura da Alex, punto di riferimento nel settore ristorante pesce Lecce. Anche per il 2019, Alex Ristorante conferma “il cappello” attribuitogli dalla Guida dell’Espresso. Giorno dopo giorno lo staff cerca di migliorarsi sempre più per raggiungere un unico obiettivo: stupire e soddisfare i clienti.

Tra le principali offerte del menu, Selezione di crudo della Chef, Ceviche di pescato con lime, tabasco e anelli di cipolla di Tropea, Ostriche francesi Gillardeau, tonno affumicato con estratto di melograno, Pescatrice con fave montate, pomodorini confit, olive nere e capperi, Salmone affumicato Coda Nera con burro e crostini grigliati e Capesante scottate, con vellutata di patate e panura tostata.

Alessandra Civilla, talentuosa Chef salentina, coltiva la sua passione per la cucina sin dall’infanzia. Per i suoi piatti trae ispirazione dalla tradizione, dai ricordi di famiglia: “la pasta fatta in casa, il pane al forno di pietra”. Dedizione, studio e sperimentazione sono i suoi compagni di viaggio verso quel sogno chiamato cucina. “La vera bellezza è quando si riesce a trovare il giusto equilibrio
nel piatto e nel sorriso del commensale”, dichiara Alessandra sul sito.