Pavimenti in PVC effetto legno: le qualità di questa tipologia di pavimentazione

I pavimenti in PVC effetto legno di oggi non sono da confondere con gli asettici rotoli di plastica che negli anni sessanta venivano chiamati linoleum, tra l’altro erroneamente perché linoleum e pvc sono due prodotti diversi.  Da qualche anno si prediligono sempre più i pavimenti in PVC effetto legno come alternativa ai classici parquet e altre piastrelle. Parliamo di una soluzione che riesce ad accontentare sia coloro che cercano un design particolare sia coloro che desiderano poter rinnovare gli ambienti domestici optando per materiali di qualità e dall’ottima resistenza. I pavimenti in PVC effetto legno sono un’ottima soluzione per chi vuole un pavimento bello come il parquet, ma non vuole spendere né denaro né tempo per la manutenzione della pavimentazione, come nel caso del vero parquet.

I pavimenti in PVC effetto legno sono evergreen, stanno bene ovunque ed hanno sempre un grande impatto visivo, ma tra tutte le varianti che esistono, che cosa starà meglio in un dato arredamento, quale resisterà di più, che cosa darà più soddisfazioni? Le lame o lastre in pvc sono in grado di riprodurre perfettamente i colori caldi e le venature tipiche del legno, addirittura simulandone tutte le varietà come per esempio il rovere sbiancato, decapato, o linee più rustiche. La superficie dei pavimenti in PVC effetto legno è totalmente resistente all’acqua e quindi è anche molto più facile come gestione, rispetto ad un pavimento in legno.

Il pavimento in PVC effetto legno è adatto per bagni e cucine e ambienti dove l’acqua è presente, ciò non vuole però dire che si può anche utilizzare ovunque c’è umidità di risalita, questa circostanza è da valutare di caso in caso, proprio perché il pavimento in pvc, essendo idrorepellente, potrebbe non lasciare sfogare il vapore acqueo che sale, un problema che si ovvierebbe con una adeguata guaina elastica.

I pavimenti in PVC effetto legno sono perfetti anche per il rivestimento delle camere dei più piccini, a patto che utilizzi PVC vergine e che sia controllato dagli organi competenti, come Il REACH o che riporti la classe VOC A+, come Fusion XL della Nanni Giancarlo & C. che utilizza una mescola di pvc DINP ritenuto totalmente innocuo per la salute. Tra le caratteristiche positive va citata anche la resistenza e la elasticità: il PVC in natura non si deforma facilmente, ma durante le lavorazioni per poterlo trasformare in pavimento, subisce molteplici trasformazioni e viene mescolato con altri materiali, è la qualità dei materiali utilizzati e il tipo di lavorazioni effettuate che determinano la qualità del pavimento e anche se un pavimento sarà in grado di essere la soluzione ideale per le stanze soggette a frequente calpestio.

Oltre una buona resistenza all’usura, una adeguata stabilità dimensionale e caratteristiche tecniche elevate, tra le varie proprietà di un pavimento in PVC effetto legno di qualità, è importante anche l’aspetto pratico; quanto sarà compatta la superficie per evitare l’assorbimento dello sporco e renderlo così più facile da pulire, quanto resisterà agli sbalzi di temperatura caldo/freddo, quale resistenza avrà alla luce diretta che entra dalle finestre o dalle porte finestra? Un buon pavimento deve rispondere a queste domande, oltre che permettere d’essere mantenuto igienizzato senza perdere tempo, per essere al passo con la dinamicità della nostra vita contemporanea.